AMSTERDAM: LE PRINCIPALI COSE DA FARE E DA VEDERE | Madre in Italy
X

Madre in Italy è la tua casa lontano da casa

AMSTERDAM: LE PRINCIPALI COSE DA FARE E DA VEDERE




Amsterdam è la capitale dei Paesi Bassi.

Abitata da circa due milioni di abitanti, la città è la più grande del Paese ed è anche il centro finanziario, culturale e creativo dell’intera regione.

Il nome Amsterdam deriva dalle origini della città (“diga” del fiume Amstel). In passato si chiamò anche “Amstelredamme” che, in seguito, divenne appunto “Amsterdam”.

Amsterdam è anche conosciuta come la Venezia del Nord, nome datogli per i suoi incantevoli canali, per la sua imponente architettura e per i suoi oltre 1500 ponti.

Amsterdam è anche famosa per essere una città tollerante, anche se questa reputazione è attribuibile a diverse incomprensioni culturali.

Certo, qui la prostituzione è legalizzata mentre la vendita, il possesso e il consumo di piccole quantità di cannabis sono tollerate dalle autorità (la politica del gedogen).

Ma questo non significa che potrai fare liberamente ciò che vuoi, anzi dovrai stare molto attento agli atteggiamenti pubblici perché, soprattutto negli ultimi anni, le leggi ufficiali si sono molto inasprite.

In questo articolo ho deciso di presentarti quali sono le cose migliori da fare o da vedere in questa città.

Prima di tutto, però, voglio darti un suggerimento.

Se hai deciso di passare un po’ di tempo nella capitale Olandese, ti suggerisco di acquistare l’I Amsterdam City Card.

Grazie a questa carta potrai risparmiare tempo e denaro sui biglietti di entrata ai musei, sui trasporti pubblici e potrai anche approfittare dei numerosi sconti disponibili.

In moltissimi casi potrai persino saltare le code sfruttando così al meglio il tempo che passerai in questa meravigliosa città.

Oltre a garantire l’accesso ai musei e alle principali attrazioni, l’obiettivo della City Card è quello di permetterti di esplorare tutto quello che Amsterdam ha da offrire.

Grazie ai suoi omaggi e ai suoi sconti selezionati, infatti, potrai apprezzare ciò che offrono i numerosi ristoranti e bar, potrai goderti le migliori performance artistiche e musicali, potrai girare la città a bordo di una bicicletta o di una barca, scoprendo in questo modo ancora più attrazioni.

Quindi che aspetti?

Clicca su questo link e segui le istruzioni.

Ti prometto che non te ne pentirai!

Bene, fatta questa doverosa premessa siamo pronti con il nostro articolo.

Come sempre, prendi carta e penna per segnarti le cose più importanti ed utili per la tua visita ad Amsterdam.

Sei pronto? Si comincia!

Leggi anche:

Articoli che potrebbero interessarti:

AMSTERDAM: LE PRINCIPALI COSE
DA FARE E DA VEDERE

cose-pazze-da-fare-ad-amsterdam

1) UNA VISITA AL MUSEO DI VAN GOGH

Inaugurato nel 1973, il Museo di Van Gogh ospita la più grande collezione al mondo delle opere di Vincent Van Gogh.

Questa include circa 200 dipinti, più di 500 disegni, 750 lettere e numerosi manufatti che offrono uno sguardo a 360° sul suo particolarissimo mondo.

Tra le sue opere più famose ricordiamo:

  • I mangiatori di patate 
  • La camera di Vincent ad Arles
  • Giapponeseria: Oiran
  • La casa gialla
  • La sedia di Gauguin
  • Campo di grano con volo di cervi

Il museo è situato a sud-ovest della capitale, subito dietro al Rijksmuseum e allo Stedelijk Museum.

Una-visita-al-Museo-di-Van-Gogh

Il Museo di Van Gogh è una delle attrazioni più popolari dei Paesi Bassi. Basti pensare che ogni hanno viene visitato da circa 2 milioni di persone.

Essere così popolare però, può essere spesso anche una maledizione, specialmente se si vuole visitare le sue opere senza dover combattere contro delle folle oceaniche.

Di seguito troverai i miei 3 principali consigli per sfruttare al meglio la tua visita:

A) PRENOTA I TUOI BIGLIETTI ON LINE

Uno dei più grandi errori che si possa fare ad Amsterdam è quello di presentarsi ad alcune attrazioni della città, acquistare un biglietto e provare ad entrare.

Come ho già accennato infatti, il Museo di Van Gogh è frequentato da circa 2 milioni di visitatori all’anno ed è impensabile entrare senza dover fare una fila di parecchie e parecchie ore.

A tutto, però, c’è un rimedio!

Se desideri saltare la fila, assicurati di prenotare il tuo biglietto online in anticipo. 

Da circa 3 anni Madre in Italy è partner di GetYourGuide, uno splendido portale che ti darà la possibilità di visitare le principali attrazioni del mondo, a prezzi molto economici.

Se il tuo sogno è quello di conoscere e vedere le opere di questo incredibile artista ma non vuoi passare interminabili ore davanti alla porta d’entrata, a questo link troverai tutte le informazioni per acquistare il tuo biglietto.

B) EVITA I GIORNI E GLI ORARI DI PUNTA

Non importa il giorno e l’orario in cui vorrai visitare le sue opere: il Van Gogh Museum sarà sempre strapieno di persone.

Il mio consiglio quindi è quello di recarti presso la galleria, lontano dai fine settimana e dagli orari di punta. E non dimenticare di acquistare il tuo biglietto a questo link. 😉

C) E, MI RACCOMANDO, IMPARA A PRONUNCIARE BENE IL SUO NOME

Il mio ultimo consiglio è quello di imparare la corretta pronuncia di Vincent Van Gogh.

Il pittore era olandese, il suo nome olandese e quindi il Van deve essere pronunciato un po’ più simile a Von mentre Gogh dovrebbe suonare un po’ più come “gough”.

Se non hai capito niente, non ti preoccupare. Nel video qui sotto, riuscirai ad ascoltare come si pronuncia il suo nome da un vero olandese.

2) UNA GITA AL RIJKSMUSEUM

A due passi dal Van Gogh Museum, troverai il Rijksmuseum, un fantastico museo, dedicato all’arte e alla cultura olandese.

La galleria, situata in un palazzo neogotico, ti accompagnerà attraverso 800 anni di storia olandese.

Al suo interno, troverai circa 8000 opere tra cui l’incredibile collezione di dipinti olandesi dell’età dell’oro. Potrai guardare alcuni capolavori come “La lattaia” di Johannes Vermeer, “La ronda di notte” di Rembrandt e “Portrait of a Young Couple” di Frans Hals.

Potrai inoltre immergerti nel design olandese attraverso i tessuti, i vetri, le armature, i costumi e le case delle bambole del XVII° secolo.

Anche per il Rijksmuseum, esattamente come per il Van Gogh Museum, potrai acquistare il biglietto direttamente dal nostro portale, tramite questo link.

Oltre all’entrata presso il Rijksmuseum, ecco una serie di attrazioni che potrai acquistare su Madre in Italy:

3) NOLEGGIA UNA BICICLETTA

Amsterdam è la capitale indiscussa della bicicletta!

Noleggiarla ed esplorare la città tramite essa, è un ottimo modo per scoprire le principali attrazioni della capitale e, nello stesso momento, per fondersi con la gente del posto.

Di seguito troverai tutto quello di cui avrai bisogno, compreso le aree dove poter parcheggiare, le regole della strada e, ovviamente, le principali accortezze per la tua sicurezza.

Cominciamo…




A) NOLEGGIA LA TUA BICI

La bicicletta è, ovviamente, un modo divertente, efficace e molto semplice per potersi spostare in città. Troverai numerosi negozi dove poterla noleggiare.

Tuttavia, prima della partenza, ti suggerisco di ordinare la tua City Amsterdam Card.

Grazie a questa tessera, infatti, acquisterai l’ingresso a più di 70 musei, avrai accesso alla maggior parte dei trasporti pubblici e potrai noleggiare la tua bicicletta h24.

Meglio di così…

B) I PRINCIPALI PERCORSI CICLABILI

Ad Amsterdam esistono decine e decine di percorsi ciclabili, realizzati appositamente per i visitatori.

Ecco i principali:

  1. Zuid e Amsterdamse Bos
  2. Fiume Amstel
  3. Zuidoost
  4. Nieuw-Ovest
  5. Nord rustico
  6. Oost e IJburg

Troverai tutte le info dopo aver acquistato la tua City Amsterdam Card!

C) LE PRINCIPALI REGOLE DELLA STRADA

Le strette e tortuose viuzze del centro di Amsterdam, sono sicuramente più percorribili se fatte in bicicletta. Tuttavia, pedalare in città non è sempre facile, sopratutto se non si è abituati al traffico.

Ecco alcune cose da tenere sempre in mente:

  • Cerca di restare sempre nella tua corsia: se hai appena noleggiato una bicicletta, cerca di usare sempre e solo la pista ciclabile sul lato destro della strada, contrassegnata da delle linee bianche e da simboli raffiguranti una bicicletta. In questo modo eviterai il caos delle strade percorse dalle automobili
  • Rispetta le principali regole della strada: non passare con il rosso, non pedalare nelle strade dello shopping, sui marciapiedi e nelle autostrade
  • Avvisa sempre tramite un gesto della mano: prima di voltare strada, ricordati sempre di segnalarlo allungando la mano
  • Luci di notte: per legge, è obbligatorio utilizzare la luce anteriore e posteriore della bicicletta, dopo il tramonto
  • Fai attenzione ai binari del tram: scoprirai che è molto facile incastrare i pneumatici della bicicletta nei binari del tram. Un ottimo consiglio è quello di attraversarli sempre ad angolo acuto
  • Evita le ore di punta: tra le 8.00 e le 9.00 e tra le 17.00 e le 18.00, Amsterdam è percorsa da migliaia e migliaia di biciclette che, spesso, si traducono in grandi code, soprattutto agli incroci. Evitalo!!!

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, non dimenticare di vedere questa pratica guida video:

4) UNA PASSEGGIATA AL VONDELPARK E AD ALTRI PARCHI DI AMSTERDAM

Situato nella zona sud-occidentale di Amsterdam, il Vondelpark è un parco all’inglese di quasi 50 ettari, realizzato su un progetto di due architetti olandesi ed aperto al pubblico nel 1865.

Il parco è molto utilizzato per fare delle passeggiate, per lo jogging, per i picnic e, ovviamente, per i concerti all’aperto. Al centro dell’area sorge infatti il noto Openluchttheater, un teatro all’aperto, famoso per le sue esibizioni che si svolgono soprattutto durante i mesi estivi.

Il teatro è sovvenzionato dal Governo olandese e l’entrata è libera; tuttavia, ai visitatori, viene richiesto di fare una donazione di 1 euro.

Oltre al Vondelpark, ci sono altri numerosi parchi, perfetti per i tuoi picnic e per lo svago.

Ecco i miei preferiti:

A) FRANKENDAEL PARK

Situato nel sud della capitale, il Frankendael Park è un bellissimo parco dove potersi rilassare in compagnia della propria famiglia o dei propri amici.

La tranquillità del parco è infatti quasi tangibile, sia per gli adulti che per i bambini che si divertiranno a scoprirne le parti più nascoste. Oltre ai suoi numerosi sentieri, il Frankendael Park ospita anche due deliziosi ristoranti che offrono dei cibi sostenibili.

Assolutamente da visitare!

B) SARPHATIPARK

Situato nel sud della Amsterdam, il Sarphatipark è un parco urbano sempre pieno di turisti e di gente del posto.

I numerosi bar e i ristoranti che lo circondano, lo rendono il luogo perfetto per passare un po’ di tempo prima di andare a pranzo o a cena.

Il Sarphatipark è un parco piuttosto piccolo, ideale per coloro che non vogliono essere disturbati durante la propria passeggiata giornaliera.

Il parco è raggiungibile con il 170, con il 172, con il 37 o con il 612.

C) OOSTERPARK

Come indica il nome, questo famoso parco è situato nella parte orientale di Amsterdam, ed è un’area che offre molteplici punti di interesse.

Qui, infatti, i visitatori potranno godere di diverse opzioni: c’è un delizioso stagno con gli uccelli, una piscina per i più piccoli, delle spaziose aree per cani e numerose bancarelle di cibo.

Il parco è raggiungibile con le linee dei tram 03, 07 o 09.

Scegli-la-tua-assicurazione viaggio

5) UNA PASSEGGIATA PRESSO IL QUARTIERE DI JOORDAN

Il Jordaan è forse il quartiere più famoso dei Paesi Bassi.

Situato nel cuore di Amsterdam, questo bastione, frequentato un tempo dalla classe operaia, è diventato famoso per i suoi stretti legami con la comunità, la politica radicale e l’amore per lo svago e per il divertimento.

Nel XVII° secolo infatti, l’intera area fu la residenza per moltissimi migranti spagnoli, inglesi, francesi ed ebrei. Oggi invece la zona attira moltissimi studenti, artisti ed hippies provenienti da ogni parte del mondo.

Il quartiere offre anche numerosi tipi di mercato.

Ogni lunedì mattina, ad esempio, c’è il mercatino delle pulci al Noordermarkt. Questo è il luogo perfetto per acquistare piatti, pentole o biancheria olandese vecchio stile. Ci sono anche molte bancarelle che vendono vestiti e accessori in pelle.

Se hai fame, invece, potrai andare al Lindenmarkt il sabato o al Westerstraat Market, il lunedì.

Se ti piacciono i musei, infine, al Jordaan potrai visitare il Pianola Museum, che ospita decine e decine di vecchi pianoforti meccanici, il museo dello scrittore Theo Thijssen e il Museo della luce fluorescente chiamato Electric Lady Land.




6) UNA CROCIERA LUNGO I PRINCIPALI CANALI DELLA CITTÀ

Prenotare una crociera sui canali di Amsterdam è praticamente un must (Amsterdam ha 165 canali, 15 in più, rispetto alla nostra Venezia!

In questo modo, infatti, riuscirai a visitare le case mercantili e patrizie del XVII° secolo che non avresti mai potuto vedere, se fossi andato a piedi.

Esistono numerose agenzie che promuovono le crociere sui canali di Amsterdam.

Tuttavia, il nostro partner Get your guide offre una serie di opportunità a cui non potrai farne a meno.

Ecco le mie preferite:

7) UNA VISITA ALLA CASA DI ANNA FRANK

Annelies Marie Frank, detta Anne, è stata una giovane ebrea tedesca, divenuta simbolo della Shoah grazie al suo diario, scritto nel periodo in cui lei e la sua famiglia si nascondevano dai nazisti, e per la sua tragica morte nel campo di concentramento di Bergen-Belsen.

Qui ad Amsterdam, sul famoso canale di Prinsengracht, potrai visitare la sua casa e la dependance dove Anne, insieme alla sua famiglia, si nascose.

Le camere si trovano in un cortile chiuso che dava su una strada che fungeva anche da quartier generale olandese per una società di spezie per cui il padre di Anne, Otto, lavorava.

Otto fu anche l’unico sopravvissuto della famiglia Frank dopo l’Olocausto e fu proprio lui che pubblicò il diario di sua figlia, nel 1947. Nella sua casa potrai vedere anche la copia originale di questa opera, oltre alle fotografie e agli oggetti appartenenti alla famiglia Frank e agli altri quattro abitanti della dependance.

Se ancora non conosci la sua storia, ti suggerisco di leggere il suo libro, che troverai a questo link.

Ecco invece l’omonimo film che racconta la sua storia…

8) UNA PASSEGGIATA A PIAZZA DAM

Piazza Dam o semplicemente “il Dam” è la piazza più famosa di Amsterdam.

Si trova all’interno della Nieuwe Zijde, nella parte centro-settentrionale della città, tra le vie Damrak, Rokin e Kalverstraat e a circa 750 metri dalla Centraal Staation.

Piazza Dam si trova esattamente nel punto in cui il fiume Amstel (il principale fiume di Amsterdam), fu arginato nel XIII° per dare spazio alla terraferma.

La piazza ha una lunga storia.

Ogni volta che si sono verificati dei disordini civili, sia quelli degli anabattisti nel XVI° secolo che quelli degli studenti che protestavano contro la guerra in Vietnam, la piazza era il luogo in cui le proteste si alimentavano, per poi espandersi nel resto della città.

Assolutamente da visitare nella piazza c’è il maestoso Palazzo Reale, una delle tre residenze olandesi del re Willem-Alexander, la Chiesa nuova (Nieuwe Kerk), costruita in perfetto stile gotico, e il Museo di Madame Tussauds, che offre, tra l’altro, le statue di cera della regina Beatrix e di DJ Tiesto, nonché quelle di Lady Gaga e di Barack Obama. 

[…]

Giunti al termine di questo lungo post, in cui credo sia apparsa evidente la mia passione per Amsterdam, non mi resta che augurarti buon viaggio e buona permanenza.

Ora tocca a te…

Se hai nel cuore un luogo o un’attività che hai fatto nella capitale Olandese, sarò felice di leggerlo nei commenti.

Un abbraccio

Francesco

[…]

Ehi, aspetta un attimo prima di cambiare pagina.

Se sogni di trasferirti ma non sai da dove cominciare, ecco un test che ti aiuterà a capire qual è la strada da percorrere.

Cose da sapere 001

Cose da sapere 003

Cose da sapere 002Cose da sapere 004

Cose da sapere 005

Cose da sapere 006

Cose da sapere 007

Bene, ora siamo davvero pronti.

Clicca qui e scarica gratuitamente la guida che ti svelerà quali sono le 11 cose da sapere prima di trasferirsi all’estero…

In bocca al lupo!

Francesco

Banner chiusura articolo

About the Author

Mi chiamo Francesco Menghini... Quand'ero piccolo, camminavo per casa sempre con un atlante in mano. Le mie domeniche piovose le passavo a memorizzare le mappe e le capitali. A 16 anni ho fatto il mio primo viaggio da solo e da allora viaggio ogni volta che posso.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.