VIVERE IN COLOMBIA: OBIETTIVO LAVORO – Madre in Italy
X

Madre in Italy è la tua casa lontano da casa

VIVERE IN COLOMBIA: OBIETTIVO LAVORO




 

La Colombia è un Paese grande quanto l’Europa, dall’estremità nord alla punta sud la distanza è la stessa che dall’Olanda a Gibilterra.

La particolarità e la bellezza della Colombia è che il clima e il paesaggio cambiano completamente spostandosi da regione a regione.

Qui, infatti, non esistono le stagioni.

Ogni parte del Paese ha il suo clima tutto l’anno!!!

Potrai quindi trovare l’estate piena tutto l’anno nella costa caraibica al nord; la primavera con un clima mite a Medellìn; l’autunno con giornate soleggiate tra le montagne della zona Cafetera e a Bogotà; l’inverno ma con temperature non troppo basse nel sud, vicino al confine con l’Ecuador.

Così come il clima varia spostandosi sul territorio, anche il paesaggio, la cucina, le persone e lo stile di vita cambiano.

Quando si decide di trasferirsi in Colombia è fondamentale avere le idee chiare su come si vuole vivere per iniziare questa nuova avventura.

Questo perché lo stile di vita così come le opportunità dipendono molto dalla zona della Colombia dove pensi di iniziare la tua nuova vita.

Il mio consiglio è di studiare molto bene la zona dove vuoi andare a vivere e capire se può far per te o meno.

Quindi, una volta che hai valutato tutte le opportunità in Colombia e hai deciso in quale città vuoi iniziare la tua nuova vita, la prima cosa che ti serve per partire e rimanere nel Paese, oltre al passaporto, è un visto.

Fatta questa premessa, possiamo iniziare…

Leggi anche:

VIVERE IN COLOMBIA:
OBIETTIVO LAVORO

Dove-vivere-con-pochi-soldi1) I VISTI PER ENTRARE NEL PAESE

1) VISTO TURISTICO

Il visto turistico ha una durata di 90 giorni eventualmente prolungabile di altri 90 giorni, quindi 180 giorni in totale per anno solare.

Questo vuol dire, per esempio, che se i tuoi 180 giorni finiscono il 31 dicembre, puoi uscire dal paese, rientrare il 1 gennaio, rimanere per altri 90 giorni e prolungare eventualmente per altri 90 giorni.

Come suggerisce il nome del visto, è necessario che la motivazione del viaggio sia per turismo, quindi non potrai in alcun modo lavorare ne tanto meno fare impresa o affari, pena l’espulsione e una multa molto salata.

Il visto viene rilasciato direttamente al tuo ingresso nel Paese, sia che tu arrivi in aeroporto o alla frontiera o al porto.

Dovrai dunque dimostrare di restare in Colombia per un periodo limitato e farà fede la data del tuo biglietto di partenza dal Paese.

2) VISTO DA STUDIO

Ti garantisce la permanenza nel paese per un numero di giorni pari alla durata del corso di studi a cui si possono aggiungere altri 30 giorni.

Per ottenerlo devi innanzitutto iscriverti al corso, e solo dopo presentare domanda al consolato colombiano in Italia.

La lista dei documenti da presentare la trovi qui ed è classificata come TP3.

Se studi in Colombia per cinque anni consecutivi, senza interruzione, puoi fare richiesta del visto residente che ti permette di rimanere in Colombia a tempo indeterminato.

3) VISTO PER AFFARI

Ha una durata massima di 180 giorni e va richiesto al consolato colombiano, presentando diversi documenti che trovi qui!

Per ottenerlo devi munirti di una lettera rilasciata secondo una delle modalità che seguono:

  • Una lettera che ti accredita precisando l’attività che vai a svolgere in Colombia, rilasciata dal rappresentante legale della ditta (nel caso tu venga mandato in Colombia da una ditta non colombiana)
  • Una lettera di invito da parte dell’azienda (nel caso tu arrivi in Colombia su richiesta di una ditta colombiana) che ti accredita, nella quale l’azienda stessa specifica che sarà responsabile del tuo soggiorno nel Paese. In questo caso la lettera deve essere accompagnata dal certificato di esistenza dell’azienda stessa o della sua rappresentanza legale




4) TEMPORAL TRABAJADOR

Per avere questo visto devi essere in possesso di un contratto di lavoro.

Questo deve essere firmato e autenticato davanti ad un notaio; se ti trovi fuori dalla Colombia, invece, fatti inviare il contratto firmato e autenticato dal tuo datore di lavoro e presentalo al consolato colombiano insieme a tutti gli altri documenti richiesti che trovi qui.

Hai inoltre bisogno di una lettera del tuo datore di lavoro in cui specifica che si fa carico delle responsabilità in caso di problemi (espulsione, morte o mutilazioni) in cui si impegna ad assumersi la responsabilità di rimandarti a casa.

Devi anche presentare un documento che dichiari la tua idoneità a lavorare.

Se svolgi una professione regolata devi presentare il corrispondente permesso (tradotto e autenticato); per le professioni non regolate invece, devi presentare il titolo di studio autenticato dal ministero dell’istruzione.

Infine, se cambi lavoro, devi fare nuova richiesta di visto, presentando una lettera del precedente datore di lavoro in cui si indica la data in cui il tuo rapporto è terminato.

5) LA RESIDENZA IN COLOMBIA

Puoi richiedere la residenza permanente in Colombia solo se:

  • Hai passato 5 anni ininterrotti in Colombia, ovviamente in maniera legale
  • Sei sposato o in un’unione di fatto con un/una cittadino/a colombiano da almeno 3 anni (anche le unioni dello stesso sesso sono accettate e legali)
  • Sei un pensionato con una pensione fissa documentabile
  • Se investi un importo minimo di seicentocinquanta salari minimi mensili nel Paese

2) COME TROVARE LAVORO

La situazione lavorativa in Colombia non è molto facile.

Basti pensare che il tasso di disoccupazione è, ad oggi, del 12.8% (gennaio 2019).

Il lavoro dipendente è sottopagato.

Considera che lo stipendio minimo è poco meno di 700.000 pesos (meno di 200 euro), e non esistono sussidi statali.

Se non hai un titolo di studio o una qualifica professionale, devi adattarti a fare dei lavori pagati con uno stipendio minimo o poco più, a meno che tu non ti metta in proprio.

Se hai un titolo di studio o una professione, sappi che la competizione è altissima.

Moltissimi colombiani, infatti, hanno studiato all’estero, hanno una laurea e un master e parlano fluentemente l’inglese.

Un’azienda per decidere di assumere proprio te, e quindi sponsorizzarti il visto, deve vedere in te un valore aggiunto, ma sono certa che se decidi di trasferirti in Colombia, saprai dimostrare quanto vali.

Oltre a contattare direttamente le aziende, per trovare lavoro sono molto utili i seguenti siti web:

Fai attenzione alle offerte di lavoro che trovi in rete, ci sono stati casi in cui sono state pubblicate offerte di lavoro a nome di aziende anche importanti (come per es. Viva Colombia, una compagnia di voli low cost), e si trattava di una scam, in cui dati personali di centinaia di persone sono stati rubati per fini non ben identificati.

Infine, un’ottima maniera per trovare lavoro in Colombia è tramite il passaparola e ahimè, le raccomandazioni.

Di buono c’è però che gli stipendi in Colombia sono tassati solo al 14%.

Ora, però, fermiamoci per un attimo.

Prima di passare al prossimo paragrafo, infatti, volevo parlarti della mia nuova guida “Biglietto di sola andata”.

Trasferirsi in un nuovo paese è una delle avventure più belle e complesse della propria vita. Talvolta però è un cambiamento che può rivelarsi molto stressante, specialmente se sei totalmente impreparato.

Questa guida si prefigge di fornire tutte le informazioni necessarie per garantire una transizione più agevole ed intelligente.

Ecco cosa troverai su “Biglietto di sola andata”:

  • Come cercare informazioni sul Paese di destinazione
  • Perché ci si trasferisce
  • Visti e permessi di lavoro
  • Il Passaporto
  • La Carta d’identità valida per l’espatrio
  • La Patente di guida
  • Come cercare lavoro in un Paese straniero
  • I migliori siti web dove poter cercare lavoro
  • 60 suggerimenti per avere successo nella “Job Interview”
  • Come affittare una casa all’estero
  • I 5 passi per acquistare una casa all’estero
  • Come accedere ai propri risparmi nel Paese di destinazione
  • Come portare gli animali domestici nei Paesi della UE e nel resto del mondo
  • Come scegliere la ditta di traslochi
  • Le dogane
  • Come affrontare lo “shock culturale”

Biglietto-di-sola-andata

3) COME AVVIARE UN’ATTIVITÀ

La Colombia sta attraversando una buona fase di sviluppo economico.

Negli ultimi cinque anni, infatti, l’economia colombiana è cresciuta addirittura del 4,8%.

La classe media rappresenta il 30% della popolazione e si prospetta che nel 2020 rappresenterà il 37% e nel 2025 il 45%.

Se stai pensando di fare impresa in questo Paese sicuramente ora è il momento giusto.

Tuttavia, devi fare un attento studio di mercato per capire sia le possibilità di successo della tua impresa, sia la fattibilità. La buona notizia è che il colombiano ama tutto ciò che è Italia: cibo, vestiti, cultura e persone.

Le possibilità di successo con il pubblico quindi sono molto elevate!

Un buon sito dove puoi trovare tante informazioni sul perché e come investire in Colombia è questo.

Il sito è in lingua spagnola, ma se stai pensando di avviare un business in Colombia immagino non sia un problema! 😉

Una volta definita la tipologia di business che vuoi avviare è necessario metterti in regola con la burocrazia Colombiana.

Ecco i passi da fare:

  • Registrazione alla Camera di Commercio per ottenere un codice identificativo per le tasse
  • Apertura di un conto corrente bancario e deposito del capitale sociale
  • Registrazione dell’impresa alla Caja de Compensaciòn Familiar, e al Servicio Nacional de Aprendizaje
  • Registrazione dei tuoi eventuali dipendenti in modo che siano coperti da un’assicurazione
  • Registrazione di te stesso e dei tuoi dipendenti a Coolpensiones (il fondo pensionistico)
  • Registrazione dell’azienda all’Istituto de Seguros Sociales

Per approfondire puoi vedere questo video:

Se il tuo obiettivo è quello di trasferirti in Colombia per cercare lavoro o fare impresa, ti ricordo che le cose importanti sono:

  • Richiedere il visto giusto
  • Arrivare con le idee chiare e una solida posizione per essere competitivi
  • Attivare uno studio di fattibilità sul mercato colombiano che ti consenta di monitorare anticipatamente il possibile successo del tuo business

In questa breve sintesi ho cercato di riassumere le cose importanti e sensate da cui partire, ma per raccontare la Colombia affinché tu possa immaginare se è il Paese che fa per te, c’è molto altro da dire, sapere e raccontare.

Nel prossimo post ti parlerò di un argomento basilare: casa e prime necessità.

Buon trasferimento!

[…]

Ehi, aspetta un attimo prima di cambiare pagina.

Se sogni di trasferirti ma non sai da dove cominciare, ecco un test che ti aiuterà a capire qual è la strada da percorrere.

Cose da sapere 001

Cose da sapere 003

Cose da sapere 002Cose da sapere 004

Cose da sapere 005

Cose da sapere 006

Cose da sapere 007

Bene, ora siamo davvero pronti.

Clicca qui e scarica gratuitamente la guida che ti svelerà quali sono le 11 cose da sapere prima di trasferirsi all’estero…

In bocca al lupo!

Francesco

Banner chiusura articolo

About the Author

Roberta lascia la sua Sardegna all’età di 19 anni per andare a studiare a Roma, dove vive per 8 anni, laurandosi in Scienze della Comunicazione e conseguendo un master in Marketing del Turismo. Nel 2009 decide di partire per Londra per un corso di 3 mesi, e finisce per rimanere 7 anni, lavorando nel campo della moda. Oggi, vive a Bogotà, in Colombia

8 Comments

  1. federico
    Posted on Dicembre 17, 2016 at 10:20 am

    Vorrei trovare lavoro sulla grafica pubblicitaria in colombia

  2. Roberta
    Posted on Dicembre 17, 2016 at 1:19 pm

    Ciao Federico,
    puoi dare uno sguardo agli annunci di lavoro nei siti che sono indicati nell’articolo oppure pensare a lavorare in proprio. Tieni in considerazione che in questo campo gli stipendi da dipendente non sono alti in Colombia e avrai tantissima concorrenza, anche se il “Made in Italy”, a mio parere, non si batte!! E i colombiani amano tutto ciò che è italiano!
    La miglior strategia è lavorare sulle publiche relazioni, e poi ti consiglio di andare prima a sondare il terreno in Colombia, le probabilità di successo, se sai venderti, sono buone secondo me.
    Se hai bisogno di ulteriori info o di una consulenza privata rimango a tua completa disposizione.
    Un abrazo!
    Roberta

    • Teresa Ibba
      Posted on Gennaio 3, 2017 at 12:03 pm

      Ciao Roberta . Sarda come te ma vivo a Genova. Crisi in Italia. Una diman: pensi che pensi che trattare materiali in Columbia e finirli in Italia sia una buona idea? Da quanto dici il contrario non conviene? Mi dai un consiglio? Grazie Teresa.

      • Roberta
        Posted on Gennaio 4, 2017 at 10:34 pm

        Ciao Teresa,
        sempre un piacere incontrare conterranei!!
        Di che materiali esattamente si tratta?

  3. Lorena
    Posted on Febbraio 24, 2017 at 1:11 am

    Ciao Roberto! Mio marito(italiano) e Io(colombiana) stiamo cercando una nanny a Bogota e pensiamo che una ragazza italiana potrebbe essere molto buona per il nostro figlio (7 mesi), cosi puo ascoltare abbastanza l´italiano. Forse qualcuna delle tue lettrici e interesata. Il pagamento puo essere tra $1.000.000 e $1.500.000 (pesos colombiani) piu gli obblighi contrattuali in Colombia (assicurazione sanitaria, pensione, etc). contatto: flow_stuff@hotmail.com

  4. Ilaria
    Posted on Agosto 21, 2017 at 9:32 am

    Ciao Roberta, la mia intenzione sarebbe quella di trasferirmi in colombia per studiare la lingua per i prini mesi e poi lavorare e viviere. Hai qualche informazione e consiglio per me? Grazie mille

  5. Alberto Says :
    Posted on Novembre 25, 2018 at 2:14 am

    Ma quale Colombia???!!!

    Restate in Europa e possibilmente nei paesi del Nord dove i diritti umani non vengono calpestati, dove la gente è decisamente piú seria e onesta, e dove il lavoro è valorizzato con stipendi decisamente molto piú alti!!!

    Parlo per esperienza personale avendo vissuto diversi anni a Bogotá: da dimenticare!!!!

    • Madre in Italy
      Posted on Novembre 25, 2018 at 1:08 pm

      Grazie per la tua testimonianza, Alberto! E in bocca al lupo!!!

Rispondi a Roberta Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.