VIVERE A BRUXELLES: NEL CUORE DELL’EUROPA – Madre in Italy
X

Il Blog di Madre in Italy

VIVERE A BRUXELLES: NEL CUORE DELL’EUROPA




Bruxelles è la capitale d’Europa.

Situata nel centro del Belgio, essa è più di una semplice città in quanto, insieme ad altri 18 comuni circostanti, costituisce una vera e propria regione.

Fin dal medioevo Bruxelles è stata il centro culturale e amministrativo del Belgio.

Il suo patrimonio artistico è davvero molto ampio: Bruxelles è stata una delle città protagoniste dell’Art Nouveau all’inizio del ventesimo secolo; ha risentito inoltre dell’influenza del Surrealismo vantando nomi come Magritte, Scutenaire e Mariën.

L’architettura è un mix di stili differenti: gotico, barocco e rinascimento fiammingo.

Il centro storico si divide in due parti principali: la Città Bassa e la Città Alta.

La prima costituisce la zona più antica della città, dove si trova la famosa e suggestiva Grand Place. Grazie alla presenza di numerosi pub e ristoranti, quest’area si può considerare il fulcro della vita notturna di Bruxelles.

La Città Alta invece, costituiva un aristocratico quartiere residenziale ed è caratterizzata da un tipo di architettura più moderno.

In quest’area si trovano il famoso Museo del fumetto, e i prestigiosi musei di arte antica e moderna.

Ma ora vediamo più in dettaglio come muovere i primi passi per ambientarsi in questa affascinante metropoli.

Si parte!

Leggi anche:

VIVERE A BRUXELLES:
NEL CUORE DELL’EUROPA

consigli-per-vivere-a-bruxellesSapevi che l’aeroporto di Bruxelles (Zaventem) è uno dei più grandi aeroporti del mondo?

Per questo motivo raggiungere il centro di Bruxelles può essere un’esperienza davvero opprimente, con molti taxi, autobus e trasferimenti aeroportuali privati.

La migliore connessione tra aeroporto e centro cittadino è rappresentata dal treno.

Le partenze avvengono ogni 10 minuti e la durata del viaggio è di 15-20 minuti. Arriverai alla Stazione Centrale di Bruxelles, dove sono situati molti hotel.

Si tratta inoltre della fermata centrale per le partenze di taxi, metro, tram e autobus.

Noi di Madre in Italy, insieme a Ticketbar, raccomandiamo di acquistare i biglietti in anticipo, poiché l’acquisto di biglietti a Zaventem è complicato e richiede moltissimo tempo!

clicca qui e prenota il tuo posto

1) CHE LINGUA SI PARLA A BRUXELLES

Partiamo subito con una domanda molto interessante, la cui risposta non è certo scontata: che lingua si parla in quel di Bruxelles???

In Belgio si parla prevalentemente l’olandese (al nord, nella regione delle Fiandre) e il francese (in Vallonia, ovvero al sud); la regione di Bruxelles è l’unica zona del Paese che è ufficialmente bilingue, anche se poi a livello pratico potrai notare che il francese è ampiamente più utilizzato e conosciuto dalla popolazione locale.

Per questa ragione, ti dirò che saper parlare bene l’olandese non è strettamente indispensabile per poter trovare lavoro, se non per certe particolari mansioni.

Tuttavia, essendo Bruxelles una città bilingue, non è raro trovare offerte di lavoro in cui sia richiesta la conoscenza della lingua francese, dell’olandese e dell’inglese, soprattutto per quanto riguarda posizioni molto qualificate; tutto dipende, ovviamente, dal tipo di lavoro che si sta cercando.

Tieni inoltre presente che il territorio di Bruxelles ospita le principali istituzioni dell’Unione Europea, della NATO, e di numerosissime multinazionali.

Per questo motivo è possibile anche trovare un impiego con la sola conoscenza dell’inglese. Mi sento di dire che in ogni caso, avere una buona padronanza della lingua francese è la cosa che veramente può fare la differenza e ti da la possibilità di aprire un mondo di nuove opportunità.

Ti consiglio dunque di seguire un corso di francese prima di partire, in modo da arrivare avendo già una conoscenza almeno basilare della lingua.

Ora lascia che ti suggerisca un prodotto che ho provato tantissimi anni fa e mi ha aiutato ad imparare non solo l’Inglese e il Francese, ma lingue molto più difficili come, ad esempio, l’indonesiano.

Sto chiaramente parlando di Babbel.

Conoscere più lingue al giorno d’oggi infatti, è molto importante.

Con il corso di inglese “Babbel” imparerai a:

  • Condurre con padronanza conversazioni telefoniche
  • Scrivere e-mail in modo competente
  • Comunicare all’interno di un team internazionale
  • Utilizzare modi di dire

Con Babbel potrai utilizzare la tua app su iPhone insieme al sito di Babbel su web.

I tuoi progressi verranno infatti sincronizzati tra le due piattaforme: sarai libero di studiare e ripassare ovunque tu sia, quando vuoi.

Dunque, che aspetti???

Clicca sul banner qui sotto e segui le istruzioni!

2) COME CERCARE UN LAVORO

Per trovare un lavoro a Bruxelles ti consiglio di rivolgerti presso i centri per l’impiego Actiris e Vdab.

Se sei nuovo a Bruxelles è davvero utile prendere appuntamento presso il centro per l’impiego in quanto avrai l’occasione di informarti su ciò che avrai bisogno per trovare un lavoro.

In questa sede inoltre, ti aiuteranno a creare il tuo primo cv e la tua prima lettera di presentazione in lingua locale.

Potrà sembrarti strano, ma in Belgio (e forse anche altrove) il cv modello “europeo” non viene utilizzato.

Qui si predilige un modello di curriculum più scarno dove dovranno essere messe in evidenza le informazioni, le competenze e le tue esperienze lavorative.

Una volta iscritto al centro per l’impiego, potrai semplicemente consultare le offerte di lavoro che vengono postate giornalmente online.

Ecco, invece, una serie di portali che sicuramente ti saranno d’aiuto:

Se stai cercando un impiego nel settore creativo, ecco qui di seguito alcuni link utili:

Se invece a portarti qui a Bruxelles è l’ambizione a lavorare per l’Unione Europea, ti elenco un po’ di siti web davvero interessanti:

Ecco, infine, una serie di giornali dove poter cercare lavoro:

Detto questo, vorrei ribadire nuovamente quello che ho già scritto in questo post: diffida sempre degli altri italiani! 😉

Leggi anche:

Scegli-la-tua-assicurazione

3) I PRINCIPALI COMUNI DI BRUXELLES

a) Ixelles

Ixelles è situata al sud del centro storico di Bruxelles ed è un’area residenziale che offre un’ampia varietà di cinema, di teatri, di negozi e di ristoranti.

Ixelles è composta da più quartieri: il più famoso è quello africano di Matongé, dove potrai trovare degli ottimi ristoranti etnici.

Nella zona di Ixelles si trova anche Place Eugene Flagey, caratterizzata da alcuni dei più famosi bar della città, e la via dello shopping Avenue Louise, con i suoi negozi di lusso.

Ixelles è abitata da molti Expat ed è in definitiva uno dei luoghi più adatti per trasferirsi, con o senza famiglia al seguito!

b) Saint-Gilles

Saint-Gilles è un piccolo comune al confine con Ixelles ed ha più o meno le sue stesse caratteristiche.

L’unica vera differenza è dovuta dal costo della vita che, in genere, è un po’ più basso.

Vivere a Saint-Gilles significa vivere vicino al centro di Bruxelles; in questo modo potrai spostarti facilmente verso mete nazionali o internazionali poiché vivrai vicino alla stazione ferroviaria di Bruxelles Midi.

c) Woluwe-Saint-Pierre

Woluwe-Saint-Pierre è un’area residenziale tranquilla e pacata piena di splendidi parchi e di spazi verdi.

Il famoso Parc de la Woluwe, ad esempio, è solo uno dei meravigliosi luoghi dove potersi rilassare dopo una faticosa giornata di lavoro.

Il quartiere, inoltre, è ben connesso al resto della città sia con il tram che con la metro. 😉

La qualità della vita è ottima per chi ha la necessità di trasferirsi nella capitale belga.

A fronte di tutti questi pro vi è, però, un contro non da poco: qui i prezzi delle case sono davvero alle stelle!




d) Etterbeek

A Etterbeek si trova il suggestivo e rinomato Parc du Cinquantenaire, un vero e proprio punto di riferimento per chi vive in città.

Il nome letteralmente significa Parco del Cinquantesimo Anniversario in quanto fu costruito per celebrare i cinquant’anni di indipendenza del Belgio.

L’ingresso al parco è sovrastato da un imponente arco, attorno al quale si trovano un museo d’arte, il museo di storia militare e il museo dei veicoli Autoworld.

A Etterbeek ci sono, inoltre, il Quartiere Europeo e alcune zone ricche di attività commerciali come La Chasse o Jourdanplein.

Anche Etterbeek è ben connessa con i mezzi pubblici al resto della città.

A differenza di molti altri comuni della regione di Bruxelles, qui è possibile trovare case a prezzi relativamente abbordabili.

e) Watermael-Boitsfort

Watermael-Boitsfort si trova a sud di Bruxelles.

Confina con Ixelles ed è un area residenziale piuttosto rinomata.

La Forêt de Soignes (o Zoniënwoud in olandese) è una foresta che occupa una buona parte del territorio; partendo dalle cittadine fiamminghe attorno a Bruxelles, questa foresta attraversa le tre principali regioni del Belgio (Fiandre, Bruxelles Capitale e Vallonia).

f) Schaerbeek

Schaerbeek è situata a nord della città e rappresenta uno dei più grandi comuni della regione di Bruxelles.

In genere, non gode di un’ottima reputazione perché viene spesso associata alla trascuratezza dell’area vicino alla stazione ferroviaria di Bruxelles Nord.

Essendo essa una zona piuttosto ampia, esplorandola, potrai invece scoprire che oltre a questo, ha anche caratteristiche positive.

A Schaerbeek si tiene ogni sabato Les Ecuries van de tram, un mercato contadino al coperto ricavato da vecchi edifici, che occasionalmente ospita anche mostre d’arte.

Schaerbeek dispone anche di diverse aree verdi come Josaphat Parc ed è una zona popolata da diverse etnie e culture.

g) Forest

Forest è un altro comune multiculturale situato a sud-est di Bruxelles dove si trova il punto più alto di tutta la regione: 100 metri sopra il livello del mare.

Presso questo comune, ricco di parchi ed edifici in art-deco e in arte moderna, è possibile condurre uno stile di vita tranquillo e piacevole.

Come avrai intuito, Bruxelles è caratterizzata da una forte realtà multiculturale: questa grande metropoli è abitata infatti, da moltissime persone provenienti da ogni parte del mondo, quindi integrarsi non è affatto una mission impossible!

Oltre a quelle sopracitate, ci sono poi altre cittadine appena fuori Bruxelles, come OverijseTervuren (Fiandre) o Waterloo
(Vallonia), dove il costo delle case in affitto è relativamente inferiore a quello della capitale.

Tieni conto però del fatto che, se decidi di trasferirti in uno dei comuni intorno a Bruxelles appartenenti alle Fiandre, la lingua
ufficiale è soltanto l’olandese.




4) DOVE TROVARE UN ALLOGGIO A BRUXELLES

Per trovare un alloggio a Bruxelles, essendo essa una metropoli molto vasta, è necessario che tu abbia innanzitutto un’idea dei quartieri dove voler andare a vivere.

Una volta scelta la zona, potrai procedere rivolgendoti alle agenzie immobiliari e consultando diversi siti web.

Eccone alcuni:

Ecco, invece, una serie di gruppi Facebook dove poter cercare:

Ci tengo a precisare, che è davvero necessario trovarsi già sul posto per poter trovare una casa o un appartamento in quanto, farlo dall’Italia, può facilmente portare a spiacevoli sorprese.

Bruxelles è una città viva e in continuo movimento in cui è impossibile annoiarsi: c’è sempre qualche concerto, evento o fiera, e per avere un idea precisa della programmazione ti rimando a questo link.

[…]

Siamo giunti al termine di questo lungo post!

Se vuoi andare a vivere a Bruxelles ma non sai da che parte cominciare, non esitare a scriverlo nei commenti.

Ti risponderò al più presto!

Buon viaggio

[…]

Ehi, aspetta un attimo prima di cambiare pagina.

Se sogni di trasferirti ma non sai da dove cominciare, ecco un test che ti aiuterà a capire qual è la strada da percorrere.

Cose da sapere 001

Cose da sapere 003

Cose da sapere 002Cose da sapere 004

Cose da sapere 005

Cose da sapere 006

Cose da sapere 007

Bene, ora siamo davvero pronti.

Clicca qui e scarica gratuitamente la guida che ti svelerà quali sono le 11 cose da sapere prima di trasferirsi all’estero…

In bocca al lupo!

Francesco

Banner chiusura articolo

 

About the Author

Ilaria, artista e perenne sognatrice, dopo una tournée come batterista di liscio nelle sagre paesane della Toscana approda in Belgio per caso nel 2013. Non solo ci rimane, ma decide persino di procreare. Mamma full time, si dedica nel (poco) tempo libero all'attività di blogger e youtuber, trattando principalmente di vita all'estero e maternità.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.