TIP N°29: MEMORIZZA I VOCABOLI – Madre in Italy
X

Il Blog di Madre in Italy

TIP N°29: MEMORIZZA I VOCABOLI




 

Vuoi imparare/migliorare/rispolverare il tuo inglese ma non hai abbastanza soldi e tempo per frequentare un corso o andare all’estero?

No worries!

Ogni settimana troverai qui un piccolo consiglio per ottenere qualche risultato comodamente da casa tua nel rispetto dei tuoi tempi.

MEMORIZZARE I VOCABOLI

Ci sono vari modi per memorizzare nuove parole acquisite, e ognuno di noi ha un proprio modo che funziona meglio di altri.

Di seguito ne elenchiamo alcuni, scegli quello che più si avvicina al tuo stile di apprendimento:

1) MINDMAPS

Le mappe mentali funzionano con chi impara soprattutto tramite l’approccio visivo.

Possono essere usate per connettere gruppi di parole.

Al centro si scrive la parola principale, ad esempio fruit, e a partire da questa parola si collegano tramite delle linee parole come apple, peach, pear, ecc.

Se andiamo sul sito SNAPPY WORDS, possiamo inserire una parola a nostra scelta, e compariranno delle mindmaps con tutti i possibili collegamenti.

2) WORD CARDS

Sono piccole tessere che ci aiutano a ricordare i nuovi vocaboli.

È un metodo facile e veloce, basta scrivere su un lato la parola, il tipo di elemento grammaticale, e come si pronuncia, dall’altra parte invece possiamo scrivere la sua definizione, o una frase che la contenga.

Ad esempio su un lato scriviamo la parola bank, sostantivo, /bæŋk/, e sull’altro lato scriviamo la definizione financial institution, o la frase I need to go to the bank to get some money.

In alternativa, possiamo scrivere sul retro la traduzione in italiano, o fare un disegno che la rappresenti.

Le word cards possono essere consultate ovunque in poco tempo, per esempio sul treno mentre ci rechiamo al lavoro, in pausa pranzo, ecc.

Se non ti piace scrivere a mano, ci sono della app per cellulare che ti permettono di creare word cards digitali. Al sito CRAM si trovano schede già pronte, raggruppate per argomento, e si ha anche la possibilità di crearne delle nuove.

3) TABELLE

Le tabelle infine sono utili per raggruppare le parole, per esempio per argomento, o per raggruppare parole di significato opposto, sinonimi, ecc.

That’s all for today!

IMPARA L’INGLESE CON LAURA

Ora lascia che ti suggerisca un prodotto che ho provato tantissimi anni fa e mi ha aiutato ad imparare non solo lo spagnolo ma lingue molto più difficili come, ad esempio, l’indonesiano.

Sto chiaramente parlando di Babbel.

Conoscere più lingue al giorno d’oggi infatti, è molto importante. Per questo più di un milione di utenti ha già scelto di imparare una lingua via computer, tablet e smartphone con Babbel.

Con il corso di inglese “Babbel” imparerai a:

  • Condurre con padronanza conversazioni telefoniche
  • Scrivere e-mail in modo competente
  • Comunicare all’interno di un team internazionale
  • Utilizzare modi di dire

Con Babbel potrai utilizzare la tua app su iPhone insieme al sito di Babbel su web.

I tuoi progressi verranno infatti sincronizzati tra le due piattaforme: sarai libero di studiare e ripassare ovunque tu sia, quando vuoi.

Dunque, che aspetti???

Clicca sul banner qui sotto e segui le istruzioni!

Un abbraccio forte

Laura

[…]

Ehi, aspetta un attimo prima di cambiare pagina.

Se sogni di trasferirti ma non sai da dove cominciare, ecco un test che ti aiuterà a capire qual è la strada da percorrere.

Cose da sapere 001

Cose da sapere 003

Cose da sapere 002Cose da sapere 004

Cose da sapere 005

Cose da sapere 006

Cose da sapere 007

Bene, ora siamo davvero pronti.

Clicca qui e scarica gratuitamente la guida che ti svelerà quali sono le 11 cose da sapere prima di trasferirsi all’estero…

In bocca al lupo!

Francesco

Banner chiusura articolo

About the Author

Francesco Menghini è filmaker, blogger e traveller. Da anni in giro per il mondo è il Founder di Madre in Italy. Grazia Pracilio è content manager e consulente creativo. Autrice TV da molti anni è approdata a Madre in Italy come Co-founder.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.