ISOLA DI GOZO: LE LOCALITA’ DA NON PERDERE – Madre in Italy
X

Il Blog di Madre in Italy

ISOLA DI GOZO: LE LOCALITA’ DA NON PERDERE




 

Gozo, piccola e graziosa isola dell’arcipelago maltese, viene spesso (e giustamente!) considerata uno dei gioielli del Mediterraneo.

Sebbene meno popolare della “sorella maggiore” Malta, questo incantevole luogo dal fascino esotico e al contempo familiare propone una grande varietà di attività e posti da scoprire.

Una volta approdati a Gozo, se avete tempo, affidate una nuova scoperta dell’isola ad ogni singolo giorno, sia essa una delle meravigliose spiagge, uno dei villaggi tradizionali, siti per immersioni, manifestazioni folkloristiche o passeggiate a piedi o in bici immersi nella natura.

Gozo ne ha davvero per tutti i gusti, esigenze e budget.

In questo post scoprirai quali sono le località che non devi assolutamente perdere se hai deciso di trasferirti a Gozo!

Pronto? Iniziamo….

ISOLA DI GOZO: COME RAGGIUNGERLA

 

Proprio grazie alla prossimità geografica e culturale con Malta, Gozo ne ha sempre condiviso i suoi confini territoriali, soprattutto per quanto riguarda i collegamenti esterni.

Gozo, infatti, non ha un suo aeroporto, ma è molto facile da raggiungere da Cirkewwa, Malta con un traghetto che impiega circa mezz’ora e vi lascerà nella zona di Mgarr Harbour a Gozo.

Una volta arrivati, spostarsi non è affatto complesso, e decisamente economico se confrontato con le grandi metropoli occidentali. Sono disponibili taxi che usano il tassametro, sebbene sia anche possibile accordare il prezzo di uno specifico itinerario in anticipo.

Le postazioni principali dei taxi a Gozo si trovano al Victoria Bus Terminus e a Pjazza Indipendenza, rispettivamente a Victoria e a Mgarr.

Un altro sistema di trasporto a Gozo, e forse anche il più confortevole, è l’autonoleggio.

Girare l’isola in macchina significa anche avere l’opportunità unica di esplorarne gli angoli più nascosti e prendersi il proprio tempo nello scegliere cosa fare e dove andare. Per informazioni e prenotazioni basta recarsi al Mgarr Terminal, a Victoria o chiedere una volta arrivati nei vari villaggi dell’isola.

Per i più sportivi si consiglia anche di noleggiare una bici, altro mezzo di trasporto favorito dai locali e non.

Avendo preso familiarità con i mezzi di trasporto sull’isola, si è decisamente pronti per partire all’avventura. Quali sono allora le mete imperdibili per chi visita Gozo per la prima volta?

1) Le spiagge dell’isola. Gozo è famosa principalmente per le sue spiagge. Come definirle se non pulite, dalle ricche tonalità di blu e mai eccessivamente affollate come spesso succede nelle località turistiche? Tra le spiagge più apprezzate dell’isola troviamo Ramla Bay dalla peculiare sabbia rossa, Mgarr ix-Xini (una delle preferite dai locali) e la tranquilla e rocciosa baia di Dahlet Qorrot.

2) Victoria (Rabat). Rabat – così chiamata dai gozitani – è il centro politico e commerciale dell’isola. I vicoli, le botteghe artigiane e le stupende piazze che la caratterizzano la rendono ideale per una passeggiata di puro relax.

3) La Cittadella. Conosciuta anche come Gran Castello, è un suggestivo promontorio e fortezza dei tempi antichi. La vista mozzafiato dall’alto della Cittadella vi farà dimenticare la scalata necessaria per arrivarci.

4) Dwejra. La peculiarità di questo luogo di raro fascino è quella di essere uno specchio di acqua salata incastrato in una caverna, che si ricongiunge al mare aperto tramite una fenditura nelle rocce. La rinomata Finestra Azzurra, uno dei simboli di Gozo, è un arco scavato dal mare, ideale per chi ama fare snorkeling o diving, o semplicemente per gli amanti della fotografia.

5) I templi di Ggantija. I templi megalitici di Ggantija sono oggi patrimonio dell’Unesco e una delle attrazioni principali per gli appassionati di storia e archeologia, nonché per famiglie con bambini. Queste imponenti strutture, risalenti al quinto millennio a.C, riescono davvero a stupire. Altamente consigliati a turisti di tutte le età.

6) Gharb. Per chi ama un paesaggio tranquillo e rurale, Gharb rappresenta la soluzione ideale. Questo villaggio collinare presenta strette stradine e balconi in pietra, oltre ad una serie di interessanti edifici religiosi, tra cui la Cappella di San Dimitri e la Basilica di Ta’ Pinu.

7) Kewkija. La cittadina di Kewkija è un’altra meta perfetta per sgranchirsi le gambe e ammirare le reliquie e gli edifici religiosi dell’isola. Da non perdere la chiesa di San Giovanni Battista – altrimenti conosciuta come la Rotunda di Xewkija – la cui cupola supera per grandezza la Cattedrale di San Paolo a Londra.

Ecco di seguito un po’ di foto che ho scattato in questi anni…

Vacanze-a-Malta

Questo elenco, sebbene non esaustivo, fornisce le basi per esplorare l’isola di Gozo e assaporarne le bellezze più conosciute e apprezzate.

Per ulteriori informazioni e eventi a gozo visita il sito ufficiale del turismo http://visitgozo.com/it

Oppure, se già conosci l’isola o vorresti visitarla, non dimenticare di scrivere un tuo commento qui sotto.

Buona isola di Gozo!

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

… e non dimenticare di seguirmi su Facebook e Instagram

About the Author

Francesco Menghini è filmaker, blogger e traveller. Da anni in giro per il mondo è il Founder di Madre in Italy. Grazia Pracilio è content manager e consulente creativo. Autrice TV da molti anni è approdata a Madre in Italy come Co-founder.

One Comment

  1. Branco
    Posted on maggio 11, 2017 at 5:01 pm

    Ciao, mi chiamo Branco. Sono stato lì con la mia famiglia circa quattro anni fa. Un posto bellissimo!!! Ho fatto un giro sull’isola nel’autobus. Ne ho preso nel Porto Mgarr, ho dovuto scendere nella città di Victoria e sono andato a piedi fino la Cittadella, dove ho guardato la sua bellissima chiesa e tutta l’isola affacciato al suo belvedere. Una curiosità : devi pagare il biglietto del barco quando ritorni all’isola di Malta! Sebbene le due lingue ufficiale a Malta sono l’inglese ed il Maltese, loro hanno una buona conoscenza dell’italiano. So che ritorneremo un’altra volta! Auguri per il tuo blog

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.