COME AVVIARE UNO SPAZIO DI COWORKING

come-avviare-uno-spazio-di-coworking




Negli ultimi anni, gli spazi di coworking sono diventati un punto fermo della sharing economy, con iscrizioni in crescita di oltre il 40% all’anno.

Cresce anche la varietà degli spazi di coworking, per soddisfare le mutevoli esigenze degli imprenditori online e non. Ad oggi esiste una vasta gamma di spazi di nicchia come, ad esempio, quelli per sole donne, quelli orientati al benessere, gli LGBTQ e quelli incentrati sull’edilizia, solo per citarne alcuni.

Se sei proprietario di una proprietà, è comprensibile che tu voglia sfruttare la significativa domanda di spazi di coworking. Tuttavia, come per qualsiasi attività commerciale, esiste una litania di fattori da considerare prima di fare effettivamente il primo passo.

Certo, un vero business plan di coworking sarebbe al massimo di due pagine, ma non prendere niente sotto gamba e ti prego di continuare a leggere quello che ho da dirti.

Andiamo!

1) RICERCA LE ESIGENZE DEI CONSUMATORI

Se stai adottando l’approccio “se lo costruisco, verranno” sappi partendo con il piede sbagliato.

Viste le mosse che giganti del coworking come WeWork, Knotel e Regus hanno fatto negli ultimi anni, infatti, è diventato evidente che gli spazi di successo sono costruiti attorno a solide comunità di professionisti e richiedono un’enorme quantità di ricerca per essere coltivati.

Dunque, prima di aprire il tuo spazio, fai un po’ di ricerche di mercato e guarda cosa offrono gli altri spazi di coworking della tua città. Il tipo di servizi che offrono e non offrono può essere un ottimo modo per vedere cosa è popolare o cosa è mancante nel mercato.

Potresti ad esempio considerare di ospitare uno o due eventi prima dell’apertura per vedere cosa sta cercando la comunità professionale e quali vantaggi potrebbero aver bisogno. Molti spazi di coworking si stanno distinguendo offrendo spazi adatti ai bambini, scrivanie sit-to-stand o persino lezioni di yoga o benessere.

Scopri cosa conta per i tuoi potenziali clienti e cerca di soddisfare le loro esigenze. Alcuni semplici servizi che puoi offrire sono:

  • Stampa e servizi telefonici
  • Una cucina o una zona pranzo 
  • Sale conferenze e riunioni
  • Internet wireless e cablato
  • Spuntini o anche pasti serviti dai vostri partner operativi
  • Eventi di networking per unire le imprese
  • Corsi di benessere e fitness (a seconda dello spazio e del budget)
  • Misure di sicurezza innovative per un facile accesso allo spazio
  • Integrazioni software per facilitare il coworking
  • Orario di lavoro esteso o accesso 24 ore su 24 

Alcuni spazi di coworking di lusso hanno portato i propri servizi all’estremo per soddisfare un pubblico specifico. Ma i suggerimenti di cui sopra sono, a questo punto, standard di settore ampiamente attesi dai clienti.

Forniranno la base del tuo spazio mentre stai ancora scoprendo la tua fascia demografica principale e le loro preoccupazioni particolari.

quanto-costa-aprire-un-coworkingcome-guadagnare-con-un-coworking

2) STABILISCI UN BUDGET

Fortunatamente, i costi di avvio per partire con un nuovo spazio di coworking sono abbastanza bassi.

A seconda delle dimensioni del tuo spazio, questi costi potrebbero però diventare costosi. Ma se inizi in piccolo e non hai milioni di euro di finanziamento a tua disposizione, il seguente elenco ti aiuterà a scoprire quali sono le cose che il tuo spazio non potrà fare a meno.

Importante: ogni mese, la parte più grande del tuo budget andrà all’affitto (o all’acquisto) della proprietà effettiva. Se ne possiedi già una, però, questa spesa potrà essere eliminata dall’elenco.

I costi essenziali includono:

  • La mobilia
  • Le attrezzature (materiali per la manutenzione e per la pulizia)
  • Le decorazioni
  • Gli accessori per la cucina (ad esempio la macchina per il caffè, il frigorifero, la dispensa, le stoviglie e le posate, ecc…)
  • L’assicurazione sulla proprietà
  • La manutenzione del Sito web
  • Il Wi-Fi illimitato
  • Il sistema di sicurezza
  • Un’eventuale receptionist

Un modo per contenere i costi è quello di iniziare con una posizione piccola, magari con meno di 500 metri quadrati. In questo modo riuscirai a mantenere i costi gestibili, aiutando ad attirare la clientela tramite una buona posizione, nuove e moderne attrezzature e altri servizi.




3) TROVA UNA POSIZIONE COMODA

La location che scegli avrà il potere di creare o distruggere il successo del tuo spazio di coworking.

Concentrati sulla ricerca di uno spazio che sia convenientemente situato vicino ai trasporti pubblici, in un quartiere sicuro e facile da raggiungere.

Molti spazi di coworking hanno trovato casa in vecchi edifici o poco utilizzati come ad esempio, nei magazzini o nelle fabbriche. Se lo spazio è stato vuoto o poco utilizzato per tanto tempo, potresti anche essere in grado di concludere un accordo con il proprietario o il gestore della proprietà, contribuendo a ridurre i costi complessivi.

aprire-un-coworking-franchising

4) ACQUISTA L’ATTREZZATURA NECESSARIA

Anche se avere uno spazio carino con dei mobili alla moda potrebbe essere fondamentale, ciò che è più importante sono i servizi che potrai offrire ai tuoi membri.

Invece di dedicare una quantità eccessiva di tempo a trovare i migliori mobili da salotto per lo spazio, dovresti concentrare le tue energie sulla ricerca della migliore connessione Internet ad alta velocità.

Prendi contatti con le società di servizi pubblici locali per vedere quale potrebbe essere il miglior piano per il servizio Internet che offrirai ai tuoi clienti. Se la tua connessione Internet è debole o lenta, infatti, i membri si sentiranno rapidamente frustrati e lasceranno il tuo spazio.




5) METTI AL SICURO LO SPAZIO

Gli imprenditori amano lavorare in un luogo in cui non devono preoccuparsi costantemente della sicurezza  mentre tu non dovrai mai preoccuparti che le attrezzature vadano perse o persino rubate.

Per ridurre i costi, quindi, potresti prendere in considerazione l’utilizzo di un sistema di controllo degli accessi. Aiuta a mantenere lo spazio sicuro e consente ai membri di andare e venire come desiderano, soprattutto se hai intenzione di avviare un coworking h24, 7 giorni su 7.

Non è necessario avere un addetto alla reception o una guardia di sicurezza perennemente in servizio. Ci sono infatti alcune opzioni di controllo degli accessi che consentono ai membri di entrare tramite il prorpio smartphone, quindi non è necessario tenere traccia delle chiavi magnetiche.

6) COLLABORA CON LE AZIENDE LOCALI

Prendi in considerazione la possibilità di collaborare con altre aziende che ti aiuteranno ad avviare l’impresa. Potrai lavorare ad esempio con un’azienda locale di assistenza all’infanzia per fornire servizi o una caffetteria locale che ti fornirà il caffè per lo spazio.

Potrai anche contattare le camere di commercio statali o locali per vedere che tipo di assistenza o risorse possono darti. Possono aiutarti a creare dei contatti preziosi che contribuiranno ad avviare la tua attività.

La popolarità degli spazi di coworking cresce di anno in anno, quindi è oggi il momento giusto per entrare nel mercato. Le possibilità sono infinite.

In bocca al lupo!


INIZIA DA QUI

LA BUROCRAZIA

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI



Frecce

IMPARA L’INGLESE CON LAURA


I CORSI DA DA NON PERDERE

Se vuoi imparare l’inglese in modo RAPIDO ed EFFICACE, ti suggerisco di scaricare il “Corso di Inglese per principianti” prodotto da una delle migliori piattaforme di e-learning: Udemy.

Il corso e stato realizzato per tutti coloro che vogliono imparare l’Inglese da zero o vogliono riprendere a studiarlo, dopo tanto tempo. L’insegnante si chiama Giulia Sparano ed è una docente laureata in Lingue e Lettere straniere e in didattica delle lingue straniere.

Il corso offre:

  • 9 Ore di video on-demand
  • 7 Articoli
  • 86 risorse scaricabili
  • 2 test pratici
  • Accesso illimitato al corso completo
  • Accesso su dispositivo mobile e TV
  • Certificato di completamento

<< ISCRIVITI AL CORSO>>Corso-completo-di-inglese-da-zero


[…]

Ehi, aspetta un attimo prima di cambiare pagina.

Se sogni di trasferirti ma non sai da dove cominciare, ecco un test che ti aiuterà a capire qual è la strada da percorrere.

Cose da sapere 001

Cose da sapere 003

Cose da sapere 002Cose da sapere 004

Cose da sapere 005

Cose da sapere 006

Cose da sapere 007

Bene, ora siamo davvero pronti.

Clicca qui e scarica gratuitamente la guida che ti svelerà quali sono le 11 cose da sapere prima di trasferirsi all’estero…

In bocca al lupo!

Francesco

Banner chiusura articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.