CHI SIAMO | Madre in Italy
X
Francesco Menghini

Ogni giorno mi sveglio con un obiettivo: “Come posso aiutare le persone che, stanche di vivere in questo Paese, hanno il desiderio di ricominciare altrove?”

Sei mai stato sfiorato da uno di questi pensieri?

“Voglio andarmene via dall’Italia ma non so dove”

“Se mi trasferiscono in un altro Paese, avrò la forza di ricominciare?”

“Di quanti soldi ho bisogno per trasferirmi?”

“Come posso pianificare il mio trasferimento?”

“E se poi non ce la faccio?”

“Vivo all’estero da diversi anni, ma come posso sistemare i sospesi con l’Italia?”

Beh, lascia che ti dica una cosa: “non sei solo!”

Ciao, mi chiamo Francesco Menghini, sono un filmmaker, fotografo, e il founder di questo sito web.

Negli ultimi anni, grazie a Madre in Italy, ho aiutato migliaia di persone a realizzare il proprio progetto di trasferirsi all’estero e risolvere i tanti problemi che affliggono milioni di italiani che vivono nel mondo, ma hanno ancora legami con l’Italia.

Come ogni realtà di valore, e lo dico con grande soddisfazione, Madre in Italy ha richiesto una vita, la mia.

Si, perché questo sito nasce anzitutto dalla mia esperienza personale di viaggiatore.

Non ho semplicemente viaggiato, ma ho vissuto in molti Paesi fin da quando ero adolescente, e da adulto ho iniziato a confrontarmi con la solitudine, le difficoltà, le emozioni e i problemi di chi decide di trasferirsi, anche solo per un periodo, in un altro Paese.

Il 15 dicembre del 2014 ho deciso di lasciare il mio lavoro da regista televisivo per provare a sviluppare un nuovo progetto.

L’idea era quella di creare un portale online che avrebbe aiutato migliaia di persone a trasferirsi e a vivere meglio all’estero.

Non sapevo da dove iniziare, ma ci ho creduto fin dall’inizio perché io stesso, in prima persona, avevo vissuto quelle esperienze.

La mia avventura iniziò durante un viaggio a Londra, a Natale.

Vacanze a Londra

Fuggivo da una condizione mentale sfiancante, quella di un regista con Partita Iva che non riusciva più a vedere all’orizzonte il proprio futuro nel Paese in cui era nato.

In quei giorni a Londra invece mi colpì la quantità di italiani che incontrai e che avevano realizzato se stessi spostandosi a poche ore di volo.

Mi colpirono i sorrisi e l’energia, ma mi colpì anche il fatto che burocraticamente soprattutto erano soli, non sapevano a chi rivolgersi e perdevano ore a cercare risposte su internet trovando informazioni discordanti.

Dopo qualche mese feci le valigie alla volta della Scozia, deciso a trasferirmi ad Edimburgo e sviluppare il progetto di Madre in Italy per poi cercare dei finanziamenti per realizzarlo.

Fu un  fallimento!

Conservo ancora le centinaia di mail inviate.

Le conservo perché sono state il segreto del successo di oggi.

La svolta arrivò dopo un anno di duro lavoro, nel 2015.

Ricordo ancora la telefonata che ricevetti.

Era il 4 Novembre, e fui contattato dal Polo Tecnologico di Pavia, dove Madre in Italy era stata selezionata tra le Start Up vincitrici.

Dopo qualche mese mi trovavo a San Francisco, nella Silicon Valley, per sviluppare il portale di Madre in Italy presso Mind the Bridge.

È li che ho capito i molti errori che avevo commesso.

Ho imparato a pensare in grande ma agire per obiettivi giorno per giorno.

Ho dato priorità al dare al mio progetto, non al pretendere.

Ho iniziato a pensarlo non come mio, ma per gli utenti.

Così, lungo la strada, a me si è aggiunto uno staff di collaboratori, sono arrivati consulenti fidati esperti in Aire, tasse, sanità e pensioni, per garantire le consulenze che realizziamo ogni giorno, e ho creato una squadra che crede in ciò che facciamo e si dedica alle persone che si rivolgono a noi.

Oggi il web è il mio lavoro.

Ho portato su Madre in Italy la mia esperienza di filmmaker e fotografo perché realizzo la maggior parte dei video e delle foto che trovi sul portale, e ho portato su Madre in Italy la mia esperienza di vita all’estero costruendo una CASA PER GLI ITALIANI sul web.

Oggi inoltre, dai miei viaggi nascono le guide che trovi sul portale.

Costruisco il viaggio pensando alla guida, raccolgo le informazioni necessarie per facilitare chi vuol vivere in un dato Paese, filmo e monto il video per far assaggiare la vita come se quel sopralluogo lo avessi fatto tu.

Beh, lo sto facendo io per te!