QUALI PERMESSI VANNO RICHIESTI PER VIVERE IN SVIZZERA? – Madre in Italy
X

Il Blog di Madre in Italy

QUALI PERMESSI VANNO RICHIESTI PER VIVERE IN SVIZZERA?

Dopo aver deciso di salutare il Paese natale, una delle mete più ambite dagli Italiani per una sistemazione estera alla quale aggrapparsi è la Svizzera.

Perché?

Le ragioni non sono difficili da immaginare, prima fra tutte svetta la vicinanza territoriale e l’allettante possibilità di vivere all’estero mantenendo il proprio domicilio in una delle cittadine al confine, approfittando quindi dei vantaggi economici del caso.

Ma esistono una serie di altre ragioni del tutto plausibili e comprensibili quali per esempio:

  • Le tasse: mentre in Italia raggiungono anche il 50% del guadagno mensile, in Svizzera si aggirano al massimo intorno al 30% dello stipendio lordo;
  • L’onestà delle persone e la possibilità di avere una discreta fiducia nel prossimo è una delle caratteristiche cardine che permettono ai cittadini di fare sonni tranquilli, un benessere quotidiano che spesso in Italia non esiste;
  • Un sistema sanitario privato, ben funzionante e di ottima qualità;
  • Il debito pubblico è una somma di soldi che in Svizzera cambia nome e si trasforma in credito pubblico!
  • La possibilità di potersi affidare a una società finalmente meritocratica;
  • La cioccolata.

A questo punto non ti stupirà sapere che questo paese è stato accreditato come uno dei più felici al mondo.

Hai voglia di farne parte?

Leggi questo post e scoprirai che per un cittadino dell’UE non è nemmeno troppo difficile affrontare il cambiamento, per ora almeno!

Se hai bisogno di un primo alloggio appena arrivi in Svizzera, magari ospite di una famiglia del posto, puoi consultare le disponibilità di questo servizio.

  • Se cerchi un primo alloggio a Zurigo, clicca qui
  • Se cerchi un primo alloggio a Ginevra, clicca qui
  • Se cerchi un primo alloggio a Basilea, clicca qui
  • Se cerchi un primo alloggio a Losanna, clicca qui

Fatta questa premessa, prendi carta e penna ed inizia con me questo viaggio…

Let’s go!

Articoli che potrebbero interessarti:

QUALI PERMESSI VANNO RICHIESTI PER VIVERE IN SVIZZERA?

PROBLEMI CON L’IMMIGRAZIONE DI MASSA

Correva l’anno 1999 quando la Svizzera ha siglato un accordo con l’Unione Europea riguardo alla libera circolazione dei cittadini. Ciò che veniva loro assicurato era la possibilità di vivere e lavorare nei rispettivi territori.

Attualmente 1,3 milioni di cittadini UE risiede in Svizzera e solo nel corso del 2015 c’è stato un flusso di 100mila europei che ha portato la popolazione a temere una crescita sempre più esponenziale dell’immigrazione.

Ecco il motivo che ha spinto il governo a proporre, nel 2014, un referendum contro l’immigrazione di massa, intento a fissare un tetto massimo annuale.

L’esito dei referendum è stato positivo ma non ti spaventare perché sembra trattarsi di un piano B ancora non concretizzato e in attesa di nuovi accordi fra Svizzera e UE.

Dunque attenzione!

Se oggi è ancora semplice trovare lavoro e possibilità di domicilio in Svizzera, nei prossimi anni potrebbe non essere lo stesso.

PERMESSI DI SOGGIORNO

Come avrai capito, se sei un cittadino dell’Unione Europea intenzionato al trasferimento parziale o totale, non esistono grossi limiti contro i quali lottare.

Anzi, per te sono in serbo diversi privilegi, quali:

  • Scelta autonoma riguardante il cantone di residenza e di lavoro;
  • Il diritto e la libertà di poter cambiare luogo e datore di lavoro;
  • Il diritto di portare in Svizzera anche la tua famiglia;
  • Il diritto di poter trovare un posto di lavoro anche ai tuoi famigliari.

A seconda del tuo caso specifico potrai richiedere un particolare tipo di permesso.

Come? Presentandoti allo sportello comunale munito di:

  • Carta d’identità o passaporto valido;
  • Copia del contratto di locazione;
  • Foto formato tessera;
  • Se sei un libero professionista o un lavoratore indipendente dovrai munirti dei tuoi libri contabili in modo tale da dimostrare la remunerazione del tuo lavoro;
  • Per i lavoratori dipendenti è sufficiente una copia del contratto di lavoro.

Banner Destination dicembre 2016 970 x 90

PERMESSI SUDDIVISI PER TIPOLOGIA

Se il tuo soggiorno in Svizzera non durerà più di tre mesi non ti occorre alcun tipo di permesso. Se entro i tre mesi non hai ancora trovato occupazione, l’autorità cantonale ti rilascerà un permesso di soggiorno valido altri tre mesi.

E poi?

Esistono varie tipologie di permessi a seconda delle esigenze, essi devono essere richiesti all’autorità cantonale di migrazione competente.

Dimora temporanea: Permesso L

Necessario nel caso in cui tu abbia deciso di fermarti per un periodo di tempo che va dai 3 mesi a un anno. Se allo scadere dell’anno il tuo contratto di lavoro si rinnova potrai chiedere anche il rinnovo del permesso.

Permesso di dimora: Permesso B

Permesso valido fino a 5 anni, rinnovabile per altri 5 in caso di lavoro continuativo. Nel caso in cui al termine del permesso tu sia in uno stato di disoccupazione di 12 mesi, potresti essere soggetto a una proroga di un solo anno.

Permesso di domicilio: Permesso C

La diretta trasformazione di un Permesso B che si protrae oltre i 5 o 10 anni. È un permesso illimitato senza vincoli e rilasciato dalle autorità cantonali dopo aver ottenuto il via libera da parte della Segreteria di Stato addetta all’immigrazione.

Permesso per i frontalieri: Permesso G

Valida possibilità per gli Italiani residenti vicino alla frontiera che desiderano lavorare in Svizzera. Bisogna essere comunque parte dell’UE e dimostrare di tornare nel domicilio italiano almeno una volta alla settimana.

Queste sono solo le informazioni più semplici riguardanti le varie tipologie di permesso. Nel caso in cui tu voglia approfondire l’argomento non devi fare altro che una minuziosa ricerca a questa pagina del Dipartimento delle Istituzioni.

Prima di passare al “RINNOVO DEL PERMESSO”, ti chiedo un piccolo favore. Se il post è di tuo gradimento ti basta fare click qui sotto e rimarrai aggiornato sugli articoli di Madre in Italy:

Clicca qui sotto invece, se vuoi seguire gli articoli del mio blog personale:

Articoli correlati:

RINNOVO DEL PERMESSO

La richiesta di rinnovo deve essere presentata alle autorità fra i tre mesi e le due settimane precedenti la scadenza del permesso in corso.

I documenti necessari sono:

  • Carta di soggiorno;
  • Carta d’identità o passaporto valido;
  • Avviso di scadenza;

Spero che questo post ti sia stato utile, se hai altre domande scrivile fra i commenti o contattaci in privato!

Madre in Italy saprà aiutarti!

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Segui Madre in Italy su Facebook, Twitter e Instagram

About the Author

Barbara vive a Bassano del Grappa. Ha iniziato a lavorare come attrice nel 2006 e ancora non è riuscita a smettere. Collabora alla realizzazione di mondi straordinari e vive nella convinzione che il bianconiglio esista davvero. Un giorno la verrà a prendere, nell’attesa scrive per Madre in Italy.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.