AFFITTARE CASA IN INGHILTERRA: ORIENTIAMOCI – Madre in Italy
X

Il Blog di Madre in Italy

AFFITTARE CASA IN INGHILTERRA: ORIENTIAMOCI

Affittare casa in Inghilterra è una passeggiata?

C’è chi dice di sì.

C’è chi dice di aver traslocato così tante volte da aver perso il conto delle case e tutta la posta degli ultimi cinque anni.

C’è chi dice che gli affitti nel Regno Unito siano troppo costosi.

C’è chi invece afferma di aver vissuto per anni in una villetta vittoriana senza alcun tipo di problema economico.

C’è chi dice che Londra non è cara e chi invece consiglia di allontanarsene il più possibile.

Insomma, c’è chi dice un sacco di cose ma dove sta la verità? Quali sono i REALI parametri da prendere in considerazione per poter vivere in Inghilterra serenamente?

Ti avverto, questo post non rappresenta un dogma. Il suo obiettivo non è quello di darti risposte univoche e universali sulla realtà degli affitti inglesi.

Non è consigliabile farlo e non è nemmeno possibile perché tutte le affermazioni che ti ho esposto in precedenza sono vere e false allo stesso tempo.

Mai come in questo caso tutto è da considerarsi relativo e dannatamente instabile. (Questo è il vero dogma!) 😉

Sarai comunque felice di sapere che esistono invece concetti e regole da tenere sempre a mente durante la ricerca di una casa, ma anche piattaforme in grado di aiutarti nella tua “caccia al tesoro”.

Prima di cominciare ti do un suggerimento. Se hai bisogno di un primo alloggio, magari ospite di una famiglia del posto, puoi consultare le disponibilità di questo servizio.

O magari, hai deciso di alloggiare presso un hotel.

Ecco 3 guide che ti chiariranno le idee:

E poi, non dimenticare la superguida che ho creato per te: Come trasferirsi in Uk in 5 mosse

AFFITTARE CASA IN INGHILTERRA: ECCO LE REGOLE

Appartamenti a LondraSVELAMI LA TUA META E TI DIRÒ CHI SEI

Inutile dire che, in ogni caso, la tua ricerca comincerà dalla meta che ti sei prefissato. Se sei uno studente le possibilità comprenderanno una certa fascia di cittadine più o meno grandi. Se sei il dipendente di un’azienda prossimo al trasferimento la tua futura destinazione è già stata fissata. Se invece sei un giovane con zaino in spalla e tanta voglia di avventure probabilmente il termine “metà” non è compreso nel tuo attuale vocabolario.

Insomma chi sei? Perché vuoi andare a vivere a Londra? Prima di prendere qualsiasi decisione devi poter rispondere con certezza a queste domande.

CHI È IL TUO COINQUILINO IDEALE?

Anche in questo caso tutto dipende da te, dal tuo carattere e dalle tue possibilità economiche.

È chiaro che se sei uno studente non solo non potrai permetterti (nella maggior parte dei casi almeno) un’abitazione intera ma non vorrai nemmeno vivere da solo. La possibilità di avere dei coinquilini è importante sia per risparmiare sul costo dell’alloggio sia per alimentare la tua rete di contatti.

Se invece hai famiglia o sei un serial killer che necessita di una proprietà privata il discorso è diverso, ma anche questa volta tutto cambierà a seconda delle città e dal tipo di abitazione.

Stansted Airport Bus

AGENZIA O NON AGENZIA?

Ecco uno dei quesiti che merita un posto sul podio delle domande più gettonate.

È meglio affidarsi a una agenzia o arrangiarsi con gli annunci privati? Non c’è una risposta giusta o sbagliata ma solo PRO e CONTRO da tenere in considerazione.

Annunci privati: sei mai stato in una cittadina universitaria? Hai mai visto intere fermate dell’autobus tappezzate di fogli di carta e numeri di telefono?

Ecco, questo è uno dei metodi per trovare casa attraverso gli annunci privati. È caotico, dispersivo, richiede una grande quantità di tempo e spesso ti sembrerà di cercare casa fra la spazzatura.

No dai, scherzi a parte..

Gli annunci privati non sono da scartare a priori, anzi. In molti casi potresti scovare delle vere e proprie occasioni! Inoltre in Inghilterra, come anche in Italia, gli annunci privati non si trovano solo sui muri ma anche nei giornali e in siti appositi, fra i quali:

Agenzie: se l’affidabilità per te è una grande priorità ti consiglio di rivolgerti a una agenzia. Talvolta ti ritroverai comunque a visitare delle catapecchie fatiscenti ma sono eccezioni (spero). Rivolgersi a dei professionisti è il sistema più sicuro e spesso anche il più veloce per trovare una casa con i comfort che desideri.

N.B. Ho da poco scoperto un portale a dire poco fantastico. Ti consiglio di dargli un occhiata. Eccolo: Findproperly

Non c’è bisogno di dirti che ti costerà di più e che anche il contratto d’affitto sarà diverso.

Fra i siti più indicati per questo tipo di ricerca ti consiglio

FACCIAMO DUE CONTIcase-a-Londra

Se esistesse un gradino ancora più alto rispetto al primo del podio il posto sarebbe occupato da questa domanda:

Ma quanto costano gli affitti in Inghilterra?

Ecco la regina delle domande senza possibilità di risposta univoca e invariabile. Tutto è relativo, tanto per cominciare dipende dalla città, dalla sua situazione economica e dall’ammontare della richiesta di case/stanze in affitto.

Per cercare di rispondere a tale domanda il Guardian ha creato una mappa interattiva (non bellissima lo ammetto) in cui è possibile stabilire quante ore dovrai lavorare per pagare l’affitto medio di un one badroom flat (di un appartamento con una camera da letto) a seconda della posizione geografica.

Ecco una verità: Londra è cara.

La cartina mostra come la fascia di ore lavorative, e quindi il prezzo dell’affitto, cambi drasticamente da Nord a Sud. In alcune zone di Londra si arrivano a contare le 70 ore settimanali mentre in altre cittadine a Nord del Regno Unito ne bastano addirittura 15.

Per fare qualche test puoi provare a inserire un eventuale indirizzo, che risultato ottieni?

Prima di continuare ti chiedo il mio solito favore. Un click qui sotto mi farebbe esplodere dalla gioia: Dai, non ti costa nulla:

Clicca qui sotto invece, se vuoi seguire gli articoli del mio blog personale:

Articoli correlati:

italiani-all'estero

DIRITTI E DOVERI DEL BRAVO INQUILINO

appartamenti-a-Londra-affitto

Sia che tu decida di affittare casa per conto tuo o tramite agenzia un punto è fondamentale: INFORMATI!

Per evitare brutte sorprese è bene conoscere alcune semplici regole riguardanti il mercato immobiliare inglese:

  • L’affitto può essere espresso per mesi (PCM) ma anche per settimane (PW). Prima di firmare un contratto assicurati quindi di aver ben capito come funziona il tuo;
  • Chiedi sempre cosa è incluso nel contratto perché dovrai pagare anche le spese aggiuntive come corrente, gas e Council Tax.
  • Cos’è il Credit Check? In qualche caso è possibile che il proprietario dell’appartamento ti chieda un documento qualsiasi che dimostri la tua “stabilità” in UK. Il Credit Check è quindi una specie di assicurazione, rappresentata con una lettera del datore di lavoro, un estratto bancario… Ne sei sprovvisto? Non stupirti se ti chiedono fino a sei mesi di mensilità anticipata!
  • Che tu abbia o no un Credit Check dovrai comunque dare un anticipo di circa un mese e mezzo che ti verrà restituito alla scadenza del contratto. Sempre che tu non abbia raso al suolo un muro portante o fatto altri danni consistenti.
  • Se è possibile richiedi sempre di fare un check in in compagnia del padrone di casa prima di entrare ufficialmente nell’appartamento. In questo modo potrai dimostrare quali e quanti danni già c’erano prima del tuo arrivo.
  • Il proprietario o l’agenzia vi chiederanno di firmare un Assured shorthold tenancy agreement, un documento che stabilisce al suo interno anche la durata del contratto (minima o massima). Quindi non ti lamentare se non riavrai la caparra nel caso in cui vorrai andartene prima del tempo concordato.
  • Se prendi casa in compagnia ti verrà chiesto di firmare un Joint agreement, un contratto in comune. Dunque occhio ai coinquilini fuggitivi.
  • Per il resto la regola generale è: comportarti a modo, paga puntualmente le rate e non fare la persona incivile. Ma queste sono leggi universali.

Malgrado non sia riuscita a stabilire delle risposte univoche a tutti i dubbi relativi gli affitti inglesi spero che questi pochi consigli siano sufficienti per un buon livello di partenza.

Tu cosa ne pensi? Sei fra coloro che hanno cambiato milioni di case o stai cercando una stanza per la prima volta?

Se hai esperienze divertenti o utili da raccontarci non esitare a commentare!

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Segui Madre in Italy su Facebook, Twitter e Instagram

About the Author

Barbara vive a Bassano del Grappa. Ha iniziato a lavorare come attrice nel 2006 e ancora non è riuscita a smettere. Collabora alla realizzazione di mondi straordinari e vive nella convinzione che il bianconiglio esista davvero. Un giorno la verrà a prendere, nell’attesa scrive per Madre in Italy.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.